Heppi Hallowin! Pronti per una serata da urlo.

Reading Time: 2 minutes

Dolcetto o scherzetto? Trick-or-Treat?

In Italia non si festeggia molto, ma in America è una delle feste più attese dell’anno.
Come il più delle volte accade, il 99% della popolazione segue tradizioni senza farsi troppe domande e senza nemmeno sapere il perché si fanno certe cose. Senza nemmeno pensarci. Sanno che ad Halloween si compra la zucca, e la comprano, sanno che se devono prepararsi per andare ad una festa, dovranno travestirsi da creature dell’aldilà, così come sanno perfettamente che se un gruppo di bambini suona alla porta, dovranno dargli qualche caramella o un dolcetto.

Ma perché tutto questo? Partiamo col dire che non è un’usanza del tutto italiana, ma per lo più statunitense.
Credo che pochi sappiano davvero dove da viene questa tradizione. Come sempre miti e leggende si intrecciano con la storia, così da rendere il tutto… ancora più misterioso!!!
Amo scoprire cosa succede lontano da me, così mi sono informata su come celebrano questa notte, alcuni altri paesi del mondo.

L’Irlanda, per esempio, è considerato il paese nativo di Halloween. Le sue origini risalgono ad antichi rituali celtici e pagani, e da un festival chiamato Samhain, o Samhuinn, di migliaia di anni fa. Oggi sia in Scozia che in Irlanda, si festeggia Halloween con falò, giochi, e cibi tradizionali come il barmbrack, una torta alla frutta irlandese che contiene monete, bottoni e anelli, con significati premonitori. Per esempio l’anello significa matrimonio, e le monete prosperità per l’anno successivo.

In Messico invece, si crede che le Porte del Paradiso si aprano a mezzanotte del 31 Ottobre e le anime dei bambini tornino sulla Terra per riunirsi con le proprie famiglie per 24 ore. La cultura messicana immagina il regno dei morti come un mondo allegro e colorato, pieno di vitalità e di gioia. Mi piace la loro interpretazione, più di quella americana del culto del macabro. Si festeggia con scheletri sorridenti e si allestiscono degli altari pieni di frutta, con noccioline, tacchino, cioccolata calda, acqua, tortillas e uno speciale pane chiamato pan de muerto,  in offerta a fantasmi e anime dell’oltretomba. Un modo di vedere l’aldilà spiritoso e colorato!!!

E come queste, ci sono tante altre tradizioni in giro per il mondo… 

E voi? Come festeggiate il vostro Halloween in famiglia? Ecco il bum scherzetto di oggi!
Se siete arrivati a leggere fino a qui, potete partecipare al concorso HALLO-WIN, aperto ai lettori Mamibum più fedeli 🙂 ! Ai primi 5 lettori che commenteranno questo articolo rispondendo alla bum domanda entro la mezzanotte dell’1 Novembre, è riservato un piccolo regalino!!! Lasciate la vostra mail e se tra i 5 vincitori, verrete contattati per tutti i dettagli.

Buona Fortuna!

Con Amore, Mamibum

4 commenti

  1. Halloween noi lo festeggiamo solo da circa circa 8 anni da quando Diana mia figlia era alla Scuola materna. Ora va in prima media. Nel tempo le esigenze sono cambiate. Prima dolcetto scherzetto, con ogni anno un costume diverso, cucito da me e quest’anno festa a casa di una amica insieme ad altre 4, con pizza, film orror e nottata con amiche. Felicissima. Essendo una famiglia buddista per noi è solo puro divertimento e allegria… Un’occasione per stare in compagnia

    1. Che bello che faccia tu tutti i vestiti. Sicuramente vi sarete molto divertite creandoli 🙂
      Un saluto e a presto!

      1. Si proprio così Mamibum, i suggerimenti sempre suoi , con immagini o idee viste ad altri e insieme decidere il tessuto e i contorni… Avendo poco tempo, mi ritrovo spesso a fare all’ultimo momento e a finire a notte inoltrata .. Al termine sempre soddisfatte entrambe…

  2. Noi lo festeggiamo travestendo i bebè da piccoli mostriciattoli! Uno è diventato uno scheletrino, l’altra una streghetta! Purtroppo i piani prevedevano l’uscita di gruppo ma visto il tempo abbiamo optato per giochi di gruppo con i compagni di scuola! Alla fine è stata una serata mostruosamente divertente! ;-)))))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *